buy women's clothing buy women's clothes

Ora Santa 13

Posted in Preghiera

L’ora santa di dicembre


In questo mese possiamo lasciarci guidare dal cap. 2 del Vangelo di Luca. Possiamo contemplare cioè la scena della natività, tanto se preghiamo di fronte al Sacramento quanto se preghiamo nelle nostre case: D’altra parte, il Tabernacolo nelle nostre chiese è come la mangiatoia, ove è riposto il corpo sacramentale del Signore, allo stesso modo che nel presepe fu deposto il corpo fisico di Gesù: pertanto potrebbe essere particolarmente significativo, se si potesse, fare l’ora santa in questo mese davanti all’Eucaristia.

Leggendo la narrazione di Luca, vediamo che l’ombra della croce si proietta fino alla nascita di Gesù. E’ detto infatti che “lo avvolse in fasce”: il termine greco usato dell’evangelista indica non il pannolino dei bambini, come piamente crediamo, ma le bende del sepolcro. Il Signore nasce per morire, per condividere con noi la nostra stessa morte: assume la nostra carne mortale per liberarci dalla morte, si fa uomo perché noi diventassimo dèi. Ancora: “lo depose in una mangiatoia”: Colui che doveva diventare il pane del mondo è posto in una mangiatoia, nel luogo ove gli animali si cibano. Ma Gesù si fa pane anticipando la sua passione, e ci ordina di celebrare questo in sua memoria perché, ricevendo Lui spezzato per noi, imparassimo a farci anche noi pane che si spezza per il nostro prossimo

Possiamo ancora contemplare come Cristo Signore nasce nel nascondimento e nella piccolezza: non nacque a Gerusalemme, il centro del potere religioso, né a Roma, il potere politico e imperiale del tempo né a Atene o Alessandria, le capitali della cultura del mondo antico, ma in una provincia, in u luogo di poveri; di più, l’evangelista osserva che “non c’era posto per loro nell’albergo”, Giovanni dirà che venne tra i suoi, ma i suoi non l’hanno accolto. Il tempio non risuona di canti perché era nato il Messia, la corte del re non va a prostrarsi ai suoi piedi, gli scribi e i farisei, i notabili e gli intellettuali del tempo, non si accorgono di nulla: possiamo contemplare come Gesù nasce nel silenzio e scegli di non apparire agli occhi del mondo.

Con Maria e Giuseppe, con i poveri di ogni tempo, possiamo contemplare la scena della nascita, farci presenti ad essa, ascoltare le persone, quello che dicono o potrebbero dire, ascoltare quel che fanno o potrebbero fare, e entrare nei particolari di quel che accade. Come si mostra qui la divinità? Farò un confronto su come gli uomini si aspetterebbero che Dio si manifesti, e come invece Dio stesso sceglie di manifestarsi. Mi farò poi, come suggerisce sant’Ignazio nei suoi Esercizi Spirituali, come un piccolo e indegno servitorello, entrando nella scena che ho di fronte a me: che cosa farei, da chi andrei, che cosa direi? Non per inventarmi qualcosa di cui non abbiamo testimonianze, ma per entrare, attraverso le porte della mia fantasia, più profondamente nella preghiera. Insieme agli Angeli posso cantare la sua gloria, con i pastori lodare e benedire sua divina maestà; con Maria magnificare il Signore. 

La Libreria e' On-Line!! l'AdP e' lieta di annunciare l'apertura della libreria ". on-line.